2016-17: ecco tutti i premi Landry mvp, Esposito e…

La serie A ha svelato gli awards della stagione regolare 2016-17. Marcus Landry della Leonessa Brescia è l’mvp, Vincenzo Esposito, che ha portato per la seconda volta consecutiva Pistoia ai playoff, è il miglior allenatore. A Giuseppe Sindoni, direttore sportivo di Capo d’Orlando, il premio di miglior dirigente, Diego Flaccadori di Trento, per il secondo anno consecutivo, è il numero uno tra gli Under 22. I premi hanno grande valore anche perché tengono conto di una giuria composta da giornalisti specializzati, allenatori, general manager e i capitani delle 16 squadre di serie A.
LEONE DI BRESCIA — Marcus Landry, 32 anni da compiere il prossimo novembre, era anche un esordiente assoluto per il campionato di serie A. Nella Nba, nonostante 18 gettoni di presenza tra Knicks e Celtics, non ha mai trovato la stessa dimensione del fratello Carl. Si è costruito una solida carriera europea in Spagna, prima di essere scelto dalla neopromossa Leonessa come giocatore di riferimento insieme a Luca Vitali e David Moss. Ala forte atipica, con tiro da fuori e letture importanti sulle due metà campo, è l’unico giocatore di serie A ad essere andato in doppia cifra in tutte le 30 gare giocate. Chiude come miglior marcatore a 19.6 punti di media (587 complessivi), il 50% da 2 ed il 40.1% da 3. Con 105 voti ha preceduto Joe Ragland (98) di Avellino e Pietro Aradori (73) di Reggio Emilia.
LE SORPRESE — Vincenzo Esposito di anni ne ha 48 ed è uno dei segreti del successo di Pistoia, nei playoff da settima dopo un campionato di altissimo livello. Lo scorso anno, alla prima stagione sulla panchina dei toscani, aveva centrato la qualificazione alle Final Eight ed alla post season. La sua squadra ha giocato una pallacanestro senza fronzoli ed efficace, vincendo 13 partite su 15 in casa, dove ha concesso 70.7 punti di media agli avversari. Ha totalizzato 155 voti, davanti a Walter De Raffaele (122) della Reyer Venezia e Gennaro Di Carlo (98) di Capo d’Orlando. Giuseppe Sindoni compirà 29 anni il prossimo 3 settembre. È figlio del patron dell’Orlandina Enzo, ma è soprattutto il direttore sportivo di Capo d’Orlando, ai playoff da ottava con un budget limitato e tante scommesse, tutte vince. A cominciare da Gennaro Di Carlo in panchina e Drake Diener, scelto come leader di un gruppo con tanti esordienti. Con 138 voti, come miglior dirigente di serie A, precede Salvatore Trainotti (87) di Trento e Nicola Alberani (76) di Avellino. Pistoia e Capo d’Orlando sono le sorprese assolute di questo campionato.
ANCORA FLACCADORI — Per il secondo anno consecutivo Diego Flaccadori di Trento vince il premio come miglior Under 22 del campionato. Con 186 voti, arriva davanti a Simone Fontecchio (108) dell’Olimpia Milano e Lee Moore (77) della Leonessa Brescia. Nelle ultime settimane ha dichiarato la propria eleggibilità al prossimo Draft Nba. È uno dei giovani più interessante anche in ambito Nazionale maggiore, per la quale è stato convocato lo scorso anno da Ettore Messina per la prima parte di ritiro a Folgaria. È stato fondamentale per il quarto posto di Trento, giocando 22 minuti di media, con 9 punti 1.7 assist, numeri decisamente in crescita rispetto alla scorsa stagione. È mancino, tiratore micidiale e giocatore in continua evoluzione tecnica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *